Stampa

Attualità

Lunedì, 27 novembre 2017

Rivista «Heimatschutz/Patrimoine»: Tradizioni viventi

Il Chalandamarz ad Ardezzo GR, una delle tradizioni viventi svizzere (Foto: Keystone/Gian Ehrenzeller)

Stampa

L'ultimo numero della rivista «Heimatschutz/Patrimoine», che appare col titolo Tradizioni viventi, è dedicato alle molteplici forme d'espressione del patrimonio culturale immateriale in Svizzera.

La Lista delle tradizioni viventi in Svizzera è stata aggiornata quest'estate e ora contempla 199 espressioni del patrimonio culturale immateriale svizzero. L’elenco è stato esteso prestando particolare attenzione alle tradizioni in ambito urbano. I seguenti contributi, in italiano nel consueto inserto, presentano approfondimenti sul tema.

  • Condividere la cultura: Stefan Koslowski, dell'Ufficio federale della cultura, Sezione cultura e società, parla del rafforzamento della partecipazione culturale tra i non professionisti.
  • Dare un senso d'identità e di continuità: abbiamo intervistato Yasemin Tutav, della fondazione Science et Cité, a proposito della Lista delle tradizioni viventi in Svizzera e dell'importanza di queste ultime nel contesto urbano.
  • Quando il patrimonio culturale immateriale si fa visibile: la storica dell'arte e archeologa medievale Brigitte Moser presenta le piazze della Landsgemeinde come luoghi in cui viene inscenato il potere, ma anche come elementi architettonici che fungono da specchi di una tradizione vivente.
  • Archivi digitali come patrimonio culturale immateriale: Thomas Glauser, storico e archivista di Stato del Cantone Zugo, si esprime sull'avanzare della digitalizzazione nel mondo degli archivi e sulle conseguenze che ne derivano.

Nelle pagine in tedesco e francese, sono trattati anche altri argomenti quali i lavori di ristrutturazione del convento dei cappuccini a Sion, una particolare tipologia di casa contadina dell'Altopiano oggi minacciata, il salvataggio della Schnydrighaus presso Naters VS grazie all'intervento dei proprietari e di un'iniziativa lanciata su Facebook, la casa di legno di Steinen SZ che, dopo settecento anni, rischia la demolizione.

Per maggiori informazioni:
Peter Egli, Redattore, tel. 044 254 57 00

 

La rivista «Heimatschutz/Patrimoine» può essere ordinata gratuitamente al sito www.patrimoinesuisse.ch/shop.

È possibile leggere questo numero della rivista su internet all’indirizzo www.patrimoinesuisse.ch/revue.

Maggiori informazioni

Trovate maggiori informazioni sull'Heimatschutz Svizzera nelle pagine in tedesco e francese del sito:  

 

> deutsch

> français