Stampa

Attualità

Martedì, 19 febbraio 2019

Preservare il patrimonio culturale fuori delle zone edificabili

Concepire le costruzioni e il paesaggio come un tutto coerente (paesaggio culturale in Val Bregaglia GR). Gli edifici utilitari rurali di carattere storico sono parte integrante dei paesaggi antropici tradizionali. La loro conservazione deve tener conto dell’ambiente circostante e contribuire alla sua salvaguardia a lungo termine. (Foto: James Batten)

Stampa

Le Camere federali sono chiamate a dibattere sulla seconda revisione della Legge sulla pianificazione del territorio, che prevede modifiche anche per quanto riguarda gli edifici agricoli tradizionali che caratterizzano molti paesaggi svizzeri. Se si vogliono preservare queste testimonianze storiche, è necessario mettere un freno all’allentamento del principio di separazione tra zone edificabili e non edificabili, e puntare sulla responsabilità, su idee innovative e su inventari vincolanti. L’Heimatschutz Svizzera ha pubblicato una presa di posizione a tale proposito.

Il 31 ottobre 2018, il Consiglio federale ha pubblicato il suo messaggio sulla revisione della Legge sulla pianificazione del territorio. L’Heimatschutz Svizzera teme tuttavia che l’approccio pianificatorio e compensatorio proposto possa portare alla demolizione di molti edifici tradizionali di valore. Con esso sarebbe infatti possibile acquistare vecchi stabili agricoli e demolirli per «compensare» la cementificazione di un’area delle stesse dimensioni. 

Negli ultimi anni le Camere federali hanno allentato più volte le basi legali che regolano l’attività edilizia fuori delle zone edificabili. Ciò ha portato a un incremento considerevole del numero di stalle trasformate per destinarle a un uso improprio e al contempo molti edifici agricoli cadono in rovina nonostante il loro valore storico.

L’Heimatschutz Svizzera chiede che sia perseguita una politica agricola, della pianificazione territoriale e del paesaggio più responsabile nei confronti del patrimonio culturale situato fuori delle zone edificabili. Attenuare ancora la distinzione tra zone edificabili e non edificabili come vorrebbe fare la Confederazione significherebbe puntare nella direzione errata. Per questo, nella sua recente presa di posizione l’Heimatschutz Svizzera ha definito sei punti per una protezione vincolante del patrimonio paesaggistico ed edilizio fuori delle zone edificabili. Nel mese di marzo, insieme a una coalizione di organizzazioni per la tutela della natura, dell’ambiente e del paesaggio, l’Heimatschutz lancerà inoltre un’iniziativa popolare contro l’attività edilizia in queste aree.

La presa di posizione può essere consultata su: www.heimatschutz.ch/politica

Contatto per la stampa: Heimatschutz Svizzera
Martin Killias, Presidente, 079 621 36 56
Adrian Schmid, Segretario generale, 076 342 39 51

Maggiori informazioni

Trovate maggiori informazioni sull'Heimatschutz Svizzera nelle pagine in tedesco e francese del sito:  

 

> deutsch

> français